Fossili di cuccioli di Saurolophus rinvenuti in Mongolia

Saurolophus angustirostris - Illustrazione di L. Xing e Y. Liu

Saurolophus angustirostris – Illustrazione di L. Xing e Y. Liu

Il deserto del Gobi  è noto per i suoi fossili ed è ancora lì che il passato della vita sulla Terra fa riaffiorare le sue testimonianze.
journal.pone.0138806.g004Nell’ articolo pubblicato questo mese su PLoS ONE, viene presentato uno studio su dei cuccioli di Saurolophus angustirostris (un adrosauro. Dinosauri conosciuti per il tipico ‘becco ad anatra’) in età perinatale.

Nella ‘Formazione Nemegt‘, risalente al tardo Cretaceo, sono già stati rinvenuti scheletri completi e a diverso stadio di sviluppo ma mai, fino ad ora, di animali così piccoli. Il loro cranio è circa il 5% rispetto a quello dell’ esemplare più grande della stessa specie mai trovato (1220mm – PIN 551/357), consentendo quindi di avere testimonianze dei primi momenti di vita del Saurolophus.
In generale in paleontologia il ritrovamento di cuccioli di dinosauro è già un evento importante poichè per molte specie non si conoscono ancora resti di questa fase della vita.
Sono stati trovati anche frammenti di guscio d’ uovo insieme ai piccoli di Saurolophus. In questi ultimi ancora non è avvenuta la fusione degli archi neurali e non presentano la tipica cresta sopracraniale ma mostrano altri segni tipici della specie (ad esempio le caratteristiche del premascellare) che ne hanno permesso l’ identificazione.

Frammenti d'uovo. A. esterno B. interno

Frammenti d’uovo.
A. esterno
B. interno

La sutura che divide gli archi neurali

La sutura che divide gli archi neurali

Probabilmente questi piccoli dinosauri provenivano da un nido sulla sponda di un fiume e furono sepolti dai sedimenti trasportati dalla corrente, forse durante la piovosa stagione estiva.

Andrea Melluso

©Dinosauri.altervista.org

I commenti sono chiusi.